Lamezia oggi - 27/02/2018 - GIUSEPPE NATRELLA

Roma – Il processo di espansione della ndrangheta nell’est europeo prosegue e si consolida, insieme alla penetrazione della criminalita’ nel sistema politico e nelle istituzioni di paesi come la Slovacchia, dove l’omicidi del giornalista Jan Kuciak ha fatto emergere un quadro di intrecci torbido e inquietante. Al telefono con l’AGI il procuratore capo di Catanzaro, Nicola Gratteri, evita di addentrarsi nella vicenda che sta scuotendo Bratislava ma spiega: “La ndrangheta e presente nell’est europeo da 20 anni, e si sta espandendo per riciclare il proprio denaro. Incominciamo a sentirne la presenza, ad esempio, in Bulgaria, in Romania”. Finora la Slovacchia sembrava immune da episodi di inquinamento dell’economia e della politica da parte della criminalita’ organizzata italiana. Quanto ai suoi agganci con la politica, aggiunge il magistrato, “la ndrangheta fa votare, nei paesi in cui e’ presente; ci e’ capitato di imbatterci in ndranghetisti che facevano votare parlamentari tedeschi”.

Una delle piste investigative per la morte di Kuciak, ucciso insieme con la sua fidanzata, potrebbe portare a Bova Marina, in provincia di Reggio Calabria, da dove, secondo la stampa slovacca, diversi elementi legati alla ndrangheta partirono anni fa alla volta dell’est d’Europa e finirono per avere collegamenti cruciali nella politica e nelle istituzioni di Bratislava. Secondo alcuni tra i giornali piu’ importanti della Repubblica slovacca – lo ‘spectator.sme’ e ‘aktuality.sk’ (per cui scriveva il reporter ucciso) – Kuciak indagava sul legame tra Antonio Vadala’, imprenditore nel settore del fotovoltaico, e Maria Troskova, primo consigliere di Stato del premier Robert Fico.

Seguiteci sui Social Media dell'Associazione

Pagina Facebook Manager WhiteList Pagina G+ Manager WhiteList Pagina Linkedin Manager WhiteList

Logo CNA Professioni

 Affiliato a 

 CNA Professioni